sabato 3 aprile 2010

Pasqua dolci: la pastiera di maccheroni

Questo era il dolce preferito di mio nonno e si aspettava Pasqua per prepararlo
è una pastiera particolare e so che si fa qualcosa di simile sulla penisola sorrentina.
Pastiera di maccheroni
500g capellini
1l latte
1kg zucchero
12 uova
100g sugna
100g pezzetti di cedro canditi
sale
acqua di fiori d'arancio
sugna e farina per la teglia

Si bollono gli spaghettini nell'acqua poco salata e si scola l'eccesso di acqua lasciandone tanta da coprirli. Alla pasta si aggiunge il latte, la sugna, lo zucchero ed infine le uova sbattute, i canditi e l'acqua di fiori d'arancio.

Si cucina la pastiera in una teglia capiente unta di sugna e spolverata di farina.....1h a 200 gradi
Questa pastiera è per me un tuffo nel passato a mia nonna che la preparava al suo grembiule appuntato con gli spilli.....al profumo di fiori d'arancio e zucchero bruciato, alla pastiera di una volta....

24 commenti:

  1. Carissima Francesca,
    quanti ricordi può far rivivere nella mente e nel cuore la preparazione di un dolce.
    Ti auguro di passare insieme alla tua famiglia una serena e gioiosa Pasqua. Grazie di cuore per tutto.

    "E' Pasqua!
    Sul mandorlo in fiore.
    il vento d'Aprile
    sussurra gentile
    la prima parola d'amore.

    E' Pasqua!
    Nei cuori sublime
    con Cristo risorto,
    rinasce il conforto
    che esalta, soccorre, redime."

    Un abbraccio tenero e sincero, Rosi.

    RispondiElimina
  2. Si' in molti usano fare questa ricetta il sabato santo a Napoli,io non avevo una dose precisa,la tua versione mi piace molto.Auguro a te e famiglia una serena Pasqua,Lisa.

    RispondiElimina
  3. Una versione deliziosa e particolare della classica pastiera di Pasqua, Brava francesca, questa ricetta mi ispira molto! E' così bello quando il cibo apre porte sui ricordi dolci, specie quelli dell'infanzia e quello legati alle persone care... Ti auguro una serena Pasqua e tutta la compagnia dei tuoi affetti. Deborah

    RispondiElimina
  4. Ciaooooooo!!che bella idea e scommetto anche buona so che sei in Italia,spero tu possa divertirti e trascorrere una felice e serena Pasqua insieme a tutti i tuoi cari...un grande abbraccio e Buona Pasqua!!baci

    RispondiElimina
  5. Buona Pasqua!

    Un abbraccio
    Luisella

    RispondiElimina
  6. Ma che forte...un dolce con la pasta... come mi piace questa ricetta!!!
    Un augurio in ritardo... e un abbraccio!
    Terry

    RispondiElimina
  7. ma che bella io mi ricorso di averla vista con il grano, con il riso, ma non con la pasta, ha un magnifico colore

    RispondiElimina
  8. non l'avevo mai vista... che bella!!! grazie di questa condivisione, davvero, mi chiedevo se non si potesse fare con qualcosa di diverso dal grano e questa tua versione è interessantissima! Un saluto e spero che i tuoi giorni di festa siano stati felici!

    RispondiElimina
  9. Mia madre la fa senza canditi e robe dolci, solo salata, è squisita!!!

    RispondiElimina
  10. ciao Francesca, stavo ammirando la tua bellissima pastiera, (adoro la pastiera), la farò presto, ciao al 6 marzo...

    RispondiElimina
  11. Non vedo l'ora di provarla!!! mi piace moltissimo questa ricetta della tradizione.

    baci

    RispondiElimina
  12. ciao Francy, sono passata per "prendere le misure" alla ricetta, mi ricorda la torta di riso bolognese...una squisitezza, ma con quelle dosi che teglia si deve usare? Perchè pensavo di ridurre, optando per una teglia da 20cm... sai tra un po' devo allargare l'uscio ....
    Mi sai dare qualche dritta? grazie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Allora ho chiamato mia madre e le ho chiesto di misurare la teglia che ha usato per la pastiera....che nella sua cucina si fa` tutto ad occhio ed e` 42 centimetri di diametro e ....sai le teglie di una volta erano fatte per porte larghe.... e non solo del forno....Per 20cm farei un po` meno della meta` per farla venire anche bella alta.
      Io anche dimezzero` le dosi che siamo una famiglia moderna di solo quattro persone e non intendo invitare il vicinato ad assaggiare la pastiera....comunque lei diceva che se si fa` piu` piccola bisogna anche ridurre un tantino i tempi di cottura per non farla seccare troppo e regolarsi quando e` bella dorata ....ma un ora mi sembra eccessiva per la teglia da 20 cm....

      Elimina
    2. Direi che la met` ` anche ....molto larga....35 cm di teglia ....in forno

      Elimina
  13. Splendida ricetta, io amo la pastiera, quella classica e questa mi attira moltissimo. Solo una domanda, i capelini non all'uovo vero? O si? E la sugna con cosa posso sostituirla? Strutto va bene? No, non partecipo ma questa ricetta la voglio fare, ciao :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Allora...di uova ce ne sono abbastanza dentro per cui noi usiamo la pasta normale di semola di grano....la pasta all'uovo non era cosa molto comune nel sudItalia.....e la sugna la puoi sostituire con lo stutto....questa volta io l'ho omessa all'interno e usata solo per la teglia....
      ciao :-)
      francesca

      Elimina
  14. Appena tolta dal forno....farò le foto domani....se ne avanza....gulp!

    RispondiElimina
  15. ciao Francesca,
    senti il profumo??!!
    E' sul tavolo di cucina che sorride invitante...bisogna resistere ..prima le foto.
    Un bacio dalle 4 apine

    RispondiElimina
  16. Pensa che mio marito ha un allievo che vive momentaneamente a Essen e frequenta un master di musica classica!!!! buonissima la tua pastiera.....non si se arriva a domani!!! ciaooo

    RispondiElimina
  17. rifatta stasera stavolta in formato più grande

    RispondiElimina
  18. Vengo dal blog di Spery per leggere questa meraviglia che stavolta sicuramente mangerò!!!

    RispondiElimina
  19. Ho trovato per caso la ricetta sul tablet, ho faticato un pò a ritrovarla sul pc per poterla stampareapportando qualchge modifia...meno zucchero, meno uova, niente sugna ma un pò di burro...la pastiera è sempre un pò troppo dolce per i miei gusti. La mia adorata Mamma metteva il tutto in un guscio di pasta frolla, mi sembrava un accoppiamento un pò strano perchè la pasta all'interno era con il ragù, ora leggendole ricette vedo da quale regione vengono. Grazie per le bellissime foto "golose" e buona e serena Pasqua a tutti Paola

    RispondiElimina